Opportunità offerte dalle distribuzioni di dividendi

Ben Sheehan, Senior Investment Specialist, Equities,
Asia Pacific, Aberdeen Standard Investments

Di recente le notizie evidenziano tagli nella distribuzione di dividendi, ma l'universo globale dei titoli che corrispondono dividendi è vasto e diversificato, con un lungo track record di crescita.

Date le pesanti ripercussioni economiche della pandemia globale di coronavirus, può non sembrare il momento più opportuno per evidenziare il contributo che il reddito da dividendi può apportare ai portafogli.

Dopotutto, nel secondo trimestre di quest'anno le aziende di tutto il mondo hanno ridotto i dividendi al minimo degli ultimi dieci anni e le aspettative in merito alle distribuzioni complessive nei prossimi 12 mesi sono diminuite di circa il 15% nell'ultimo periodo (cfr. grafico 1).

Grafico 1: stime dividendi per azione nei prossimi 12 mesi di MSCI AC World Index, Bloomberg

insert_chart

Le performance passate non sono indicative dei risultati futuri.

Fonte: MSCI AC World Index, Bloomberg, settembre 2020

Gli investitori dovrebbero, però concentrarsi sui fatti: nel secondo trimestre le aziende hanno corrisposto agli azionisti dividendi pari a 382 miliardi di dollari USA1 nonostante lo shutdown economico globale, il che evidenzia come la stragrande maggioranza dei titoli abbia continuato a corrispondere dividendi anche durante la crisi.

I mercati più colpiti dai tagli sono stati quelli in cui la cultura dei dividendi è più radicata, ossia Europa e Regno Unito. In media, le società europee destinano ai dividendi una percentuale maggiore dei loro flussi di cassa disponibili rispetto a qualsiasi altra parte del mondo2, pertanto i tagli sono stati più consistenti.

L'analisi dei dati rivela, tuttavia, che le banche da sole rappresentano oltre il 40% dei tagli ai dividendi in tutta Europa nel secondo trimestre3. Questo perché la Banca Centrale Europea ha ordinato loro di congelare le distribuzioni per preservare il capitale e sostenere le imprese e le famiglie durante la pandemia.

Nel Regno Unito, la principale autorità di regolamentazione finanziaria, la Prudential Regulation Authority, ha esercitato pressioni sulle banche di sua competenza affinché seguissero tale esempio. Barclays, Santander, Lloyds, NatWest, Standard Chartered e HSBC hanno quindi indicato che non corrisponderanno dividendi nel 2020.1

Tuttavia, è importante che gli investitori operino una distinzione tra le società che tagliano i dividendi a causa di difficoltà sul fronte del flusso di cassa e quelle costrette a farlo dalle autorità di regolamentazione e dai governi, poiché molte di queste ultime erano in grado di corrispondere dividendi, e sicuramente riprenderanno a farlo quando sarà loro consentito.

Al contempo, l'impatto della pandemia non è stato uguale per tutte le aziende. Le imprese che operano in settori come i viaggi, il tempo libero e l'edilizia sono state tra le più colpite. Altre stanno invece beneficiando dei cambiamenti nei modelli di lavoro e di consumo in settori come il cloud computing e i servizi online.

Gli investitori possono ridurre attivamente la loro esposizione diretta all'impatto del virus e ai titoli in cui prevedono rischi di coda indesiderati.

Inevitabilmente alcune società saranno in grado di sostenere meglio di altre gli utili e la distribuzione dei dividendi. Nell'investire in società che corrispondono dividendi, gli investitori possono ridurre attivamente la loro esposizione diretta all'impatto del virus e ai titoli in cui prevedono rischi di coda indesiderati. Al contempo, possono optare per società con bilanci più solidi e un posizionamento che garantisca la distribuzione di dividendi.

In molti casi, tale distribuzione può indicare la qualità del management e della governance di un'azienda. Una ricerca effettuata dalla società di servizi finanziari Jefferies mostra come i titoli di qualità tendano a non operare drastici tagli nei dividendi, evidenziando una forte correlazione tra l'indipendenza del consiglio di amministrazione e la distribuzione di dividendi.2

Sempre secondo tale ricerca, negli Stati Uniti, dove l'indipendenza del consiglio di amministrazione è profondamente radicata, le società con meno del 60% di amministratori indipendenti presentano in media un dividendo del 17%, contro il 33% delle società con più del 90% di membri indipendenti.

Contesto globale

Un altro importante fattore a sostegno della sostenibilità dei dividendi è rappresentato dalle dimensioni e dalla diversità dell'universo azionario globale. In Aberdeen Standard Investments redigiamo una buy list di 1.100 società a livello globale, che include titoli che corrispondono dividendi, pipeline che a nostro parere offre un adeguato ventaglio tra cui scegliere.

Inoltre, secondo le proiezioni sui dividendi di Bloomberg di fine giugno, i dividendi delle società presenti negli indici EuroSTOXX europeo ed FTSE100 britannico dovrebbero ridursi di oltre il 30% nel 2020, ma nell'indice giapponese Topix500 il dato si attesta all'8% e nell'S&P500 non si prevedono variazioni.

Per di più, oltre il 30% delle società di Regno Unito, Europa e Giappone dovrebbe aumentare i dividendi nel 2020, mentre negli Stati Uniti la percentuale dovrebbe essere superiore al 60% (cfr. grafico 2).

Grafico 2: società che intendono accrescere i dividendi

insert_chart

Fonte: SG Cross Asset Research/Equity Quant, Bloomberg, 6 luglio 2020

I dati indicano inoltre gli Stati Uniti come il mercato con i dividendi più sostenibili. Solo il 30% delle società statunitensi ha ridotto i dividendi durante la crisi finanziaria del 2008, fa notare la ricerca di Jefferies. E la stessa cosa sta succedendo oggi durante la pandemia di Covid-19, infatti finora i dividendi statunitensi risultano i più resilienti.

Jefferies attribuisce questo dato al fatto che le società statunitensi effettuino più riacquisti di azioni proprie, altro modo per restituire capitale agli azionisti, rispetto a qualsiasi altro mercato. Durante i periodi di stress, le aziende statunitensi hanno sempre sospeso i riacquisti piuttosto che la distribuzione dei dividendi.

In Asia, secondo i dati di Jefferies e Factset, quasi il 90% delle società corrisponde dividendi, e si tratta di aziende che in media presentano una leva finanziaria decisamente inferiore che altrove. Inoltre, la regione rappresenta già oltre il 50% della crescita economica globale. Dato il basso indebitamento netto e un flusso di cassa disponibile costantemente elevato, le società asiatiche dovrebbero continuare a trainare la crescita globale della distribuzione di dividendi.

Il grafico 3 evidenzia il trend di crescita globale dei dividendi nell'ultimo quarto di secolo.

insert_chart

Le proiezioni non costituiscono alcuna garanzia e gli eventi o i risultati effettivi potrebbero discostarsi in maniera anche significativa.

Fonte: Bloomberg, indice MSCI AC World, maggio 2020

Opportunità per gli investitori

Oltre alla sostenibilità, gli investitori devono tener presenti le opportunità offerte dall'universo globale dei titoli che distribuiscono dividendi. A causa della forte compressione dei rendimenti obbligazionari, dal 2011 le azioni offrono un rendimento medio più elevato rispetto alle obbligazioni (cfr. grafico 4) tendenza che a nostro parere non subirà una flessione dato l'enorme pool di obbligazioni a rendimento basso o negativo, pari a 15.000 miliardi di dollari a livello globale.

Grafico 4

insert_chart

Le performance passate non sono indicative dei risultati futuri

Fonte: SG Cross Asset Research/Equity Quant, Bloomberg, settembre 2020

Inoltre, l'invecchiamento della popolazione globale comporta una forte domanda di reddito data la volontà di risparmiare per la pensione. Questo crescente bacino di capitale in cerca di reddito costituisce per le società un forte incentivo a continuare a corrispondere dividendi.

Quindi, nonostante le numerose notizie in merito ai tagli nelle distribuzioni dei dividendi, gli investitori devono tenere in considerazione l'ampia base di società che corrispondono dividendi tra cui scegliere, in particolare su base globale diversificata.

1 https://www.ft.com/content/a136da68-4cc8-489f-9265-a719b11f75e6

2 Microstrategy – Dividend Playbook 2020, Jefferies

3 The Global Income Investor, SG Cross Asset Research/Equity Quant/Bloomberg

 

I dati Bloomberg hanno esclusivamente scopo illustrativo. Non dovrebbero essere formulate ipotesi riguardo a performance future.

 


I pareri e le conclusioni espressi nella presente comunicazione rivestono un interesse puramente generale e non devono essere considerati una consulenza per gli investimenti né un invito ad acquistare o vendere uno o più titoli specifici.

Qualunque informazione contenuta nel presente documento e attribuita a terzi ("Dati di terzi") è proprietà di (a) uno o più fornitori terzi (il "Proprietario") ed è concessa in licenza d'uso a Standard Life Aberdeen**. I Dati di terzi non possono essere copiati né distribuiti. I Dati di terzi vengono forniti "così come sono" e non se ne garantisce la precisione, la completezza o la tempestività. Nella misura consentita dalle leggi vigenti, né il Proprietario, né Standard Life Aberdeen** né alcun altro soggetto terzo (ivi compreso qualunque soggetto terzo implicato nella fornitura e/o compilazione dei Dati di terzi) è in alcun modo responsabile dei Dati di terzi o dell'utilizzo dei Dati di terzi. Le performance passate non costituiscono alcuna garanzia dei risultati futuri. Né il Proprietario né alcun soggetto terzo sponsorizza, approva o promuove il fondo o il prodotto a cui fanno riferimento i Dati di terzi.

**Standard Life Aberdeen designa la relativa società del gruppo Standard Life Aberdeen denominata Standard Life Aberdeen plc e relative consociate, controllate e società associate (sia dirette che indirette).

Avvertenze sui rischi
Avvertenze sui rischi - Prima dell’investimento, i sottoscrittori devono considerare attentamente l'obiettivo di investimento, i rischi, gli oneri e i costi del Fondo.
Le informazioni importanti relative al Fondo sono contenute nel Prospetto informativo e nel documento KIID. Le informazioni di carattere informativo, non sono da considerarsi un’offerta commerciale, sollecitazione all’acquisto o sottoscrizione all’acquisto delle azioni del Fondo o qualsivoglia titolo o strumento finanziario.