Tempi interessanti per le azioni europee

Angus Tester, Investment Manager European Equities, Aberdeen Standard Investments

“Esiste una maledizione cinese che dice ‘Che egli possa vivere in tempi interessanti’. E che ci piaccia o no, viviamo in tempi interessanti…”. Sono le parole pronunciate nel 1966 da Bob Kennedy e sintetizzano perfettamente la condizione degli investitori europei da quando, nel giugno 2016, il Regno Unito ha votato di uscire dall’Unione Europea.

Benché i politici non siano ancora riusciti a formalizzare la Brexit, si iniziano a sentire i primi effetti di questo dirompente voto. Si percepisce, per esempio, un maggiore rischio politico in tutta Europa, visione condivisa dagli investitori sia nazionali che internazionali. Anche per questo motivo, si è assistito a imponenti flussi in uscita dai fondi azionari europei. I numeri di EPFR, società leader nei dati sui flussi di investimento, parlano di oltre 80 miliardi di dollari ritirati dalle borse europee nel 2018 da parte degli investitori globali. A guidare l’esodo, la crescente preoccupazione sul bilancio italiano e le tensioni sulle caotiche negoziazioni per la Brexit.

Alcune delle recenti elezioni europee sono state segnate dall’ampio consenso dato ai partiti populisti e di estrema destra, a spese dei tradizionali partiti centristi. Questi partiti, come per esempio in Italia la Lega, prendono di mira l’Unione Europea e l’euro. Nonostante la retorica politica, tuttavia, non si sono ancora viste azioni concrete che possano alterare l’attrattività del mercato europeo agli occhi degli stock picker.

Guardando oltre gli utili primari, si nota come le società di alta qualità che stanno aumentando i propri guadagni e flussi di cassa stiano sovraperformando, in contrasto con l’underperformance di società a basso valore assoluto (per esempio nelle azioni value).

In tempi incerti come questi, è logico investire in società con un forte vantaggio competitivo sulla concorrenza o, come disse il leggendario investitore Warren Buffet, che godono di un “economic moat”, ovvero un fossato economico in grado di proteggere la società, e per estensione i suoi investitori, da eventi imprevisti. Questo vantaggio si traduce anche nella possibilità di alzare i prezzi all’occorrenza senza perdere clienti: un potere di estrema importanza in un’epoca segnata da grossi movimenti di valuta. Si pensi alla sterlina nei confronti delle principali valute internazionali a seguito del voto sulla Brexit: il crollo della moneta inglese ha reso la componentistica d’oltremanica molto più cara per i produttori britannici. Un duro colpo per molti di loro, mentre le aziende in grado di compensare con l’aumento dei prezzi senza perdere clienti si sono ritrovate con un netto vantaggio sulla concorrenza, e sono state giustamente premiate dagli investitori.

Nonostante la confusione politica, l’Europa è un terreno di caccia perfetto per gli stock picker.

Nonostante la confusione politica, l’Europa è un terreno di caccia perfetto per gli stock picker. Un territorio di grandi dimensioni e liquidità, contraddistinto dalla complessità di diversi paesi, culture e ordinamenti giuridici. Per gli investitori più attivi, questo significa opportunità interessanti, spesso oggetto di valutazioni economiche errate, in settori che potrebbero sfuggire agli ETF. La futura crescita delle aziende di alta qualità è sostenuta anche da importanti fattori strutturali, come i cambiamenti demografici, la digitalizzazione delle imprese e l’inscalfibile valore dei premium brand. Riteniamo che questi business continueranno a prosperare – anche in tempi interessanti come quelli che stiamo vivendo.

RISK WARNING
The value of investments, and the income from them, can go down as well as up and you may get back less than the amount invested.
Avvertenze sui rischi
Avvertenze sui rischi - Prima dell’investimento, i sottoscrittori devono considerare attentamente l'obiettivo di investimento, i rischi, gli oneri e i costi del Fondo.
Le informazioni importanti relative al Fondo sono contenute nel Prospetto informativo e nel documento KIID. Le informazioni di carattere informativo, non sono da considerarsi un’offerta commerciale, sollecitazione all’acquisto o sottoscrizione all’acquisto delle azioni del Fondo o qualsivoglia titolo o strumento finanziario.
Prima dell’investimento, i sottoscrittori devono consultare il relativo Prospetto informativo, il “KIID” (Key Investor Information Document) e l’ultimo rendiconto annuale o relazione semestrale, se pubblicata successivamente, disponibili sul sito www.aberdeenstandard.it