Si surriscalda la lotta al cambiamento climatico

Eva Cairns, ESG Investment Analyst, Aberdeen Standard Investments

Il successo dei partiti ambientalisti alle recenti elezioni per il Parlamento europeo è stato un'ulteriore conferma della crescente importanza delle tematiche ambientali tra gli elettori occidentali. Il maggiore coinvolgimento può essere attribuito, in parte, alle crescenti preoccupazioni per il cambiamento climatico e, nello specifico, alla percezione di uno scarso impegno da parte dei governi nell'attuare le misure necessarie per la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio.

L'Accordo di Parigi (2015) sul cambiamento climatico ha stabilito che gli Stati dovrebbero impegnarsi a contenere il surriscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C. Secondo gli analisti, tuttavia, le attuali politiche potrebbero condurre a un surriscaldamento superiore al 3°C. Di fronte a questa previsione allarmante, sono stati diversi gli appelli volti a intraprendere politiche più radicali, come la proposta di un Green New Deal promossa da alcuni politici statunitensi.

Le conseguenze del cambiamento climatico si riflettono anche sugli asset manager. Il surriscaldamento globale e la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio alterano il profilo di rischio di molte aziende ed economie in cui i gestori investono, con possibili ripercussioni sulle scelte d’investimento dei clienti. In qualità di asset manager, è nostra responsabilità comprendere ogni aspetto di queste conseguenze.

Il nostro approccio al cambiamento climatico

Nostro primario obiettivo è aiutare i clienti a ottenere risultati positivi e al contempo favorire la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio. A tal fine, abbiamo elaborato un nostro personale approccio agli investimenti attento al tema del cambiamento climatico. Questo ci permette di ottenere informazioni strategiche e dati di alta qualità sui trend, sui rischi e sulle opportunità del cambiamento climatico, che vengono quindi integrati nei processi decisionali di investimento. Abbiamo allineato il nostro approccio ai Principles for Responsible Investment - Investor Agenda, un'iniziativa che permette agli investitori di dimostrare il proprio contributo alla transizione del capitale finanziario mondiale verso opportunità di investimento low-carbon. In particolare, gli investitori sono invitati a dare testimonianza delle azioni intraprese in quattro aree:

  • investimenti;
  • impegno aziendale;
  • informazioni agli investitori;
  • politiche di sostegno.

Una parte essenziale di questo approccio intende dimostrare che è possibile misurare l'impatto climatico di un portafoglio di investimenti. Attualmente, siamo in grado di calcolare l'impronta di carbonio di diversi nostri fondi. Nonostante i suoi limiti, il calcolo delle emissioni di carbonio rappresenta un buon punto di partenza per comprendere la nostra esposizione ai rischi climatici e dimostrare l'impatto di un'azienda o di un portafoglio sulla transizione energetica. In questo modo, per esempio, possiamo identificare le aziende con tassi piuttosto elevati di emissioni di carbonio e lavorare insieme a loro su un nuovo approccio alla gestione del rischio climatico.

Un mondo di opportunità

La transizione energetica offre agli investitori anche notevoli opportunità. Il raggiungimento dell'obiettivo dei 2°C concordato a Parigi dipende da fattori quali la capacità del mondo economico di impiegare rapidamente grosse somme di capitali privati per la costruzione di infrastrutture energetiche rinnovabili, l'adozione di mezzi di trasporto a basse emissioni di carbonio e il miglioramento dell'efficienza energetica. Si iniziano a notare tendenze quali l'abbandono del carbone e un rapido impiego, associato alla diminuzione dei costi, di tecnologie energetiche pulite. Secondo l’International Energy Agency, il costo della transizione ammonterà a circa 3.000 miliardi di dollari all'anno, di cui la maggior parte sarà finanziata dal settore privato. Le opportunità a lungo termine riguarderanno la canalizzazione dei flussi di capitale dei clienti verso progetti e società che traineranno lo sviluppo di un'economia low-carbon.

Attualmente, forniamo capitale per favorire in maniera diretta la transizione tramite investimenti infrastrutturali privati. Inoltre, operiamo anche in maniera indiretta, investendo in fondi infrastrutturali e fornendo capitale proprio e di debito ad aziende che offrono soluzioni per l’energia rinnovabile e tecnologie a basso consumo energetico.

Qual è la prossima tappa?

Nel 2018, le emissioni di gas serra hanno raggiunto livelli record. Con le emissioni che continuano a crescere in molte regioni, la sfida al cambiamento climatico assume una portata immensa.

Nel 2018, le emissioni di gas serra hanno raggiunto livelli record. Con le emissioni che continuano a crescere in molte regioni, la sfida al cambiamento climatico assume una portata immensa. Non sorprende, quindi, che sempre più persone stiano mettendo questa sfida in cima alla lista delle proprie priorità. La gamma di prodotti a disposizione dei clienti che desiderano vedere le proprie preoccupazioni riflesse nei propri investimenti è in aumento. Sono già numerosi i prodotti che consentono ai clienti di escludere le industrie ad alta intensità di carbonio. Tra questi spicca l'attività di impact investing, che può essere concentrata su aziende che offrono prodotti e servizi efficienti dal punto di vista energetico e che fanno uso di energia pulita. Altri prodotti selezionano invece le aziende sulla base di criteri ambientali come la produzione di energia e i ricavi provenienti da combustibili fossili.

In qualità di grandi investitori e amministratori del capitale altrui, capiamo quanto possa essere importante il ruolo degli asset manager. È nostro dovere sostenere la transizione energetica attraverso le nostre decisioni di allocazione di capitale ed elaborare soluzioni che soddisfino le esigenze dei nostri clienti. Stiamo già compiendo enormi progressi in tal senso e continueremo in questa direzione per dare il nostro contributo alla risoluzione di un tema tanto vitale.

RISK WARNING

The value of investments, and the income from them, can go down as well as up and you may get back less than the amount invested.
Avvertenze sui rischi
Avvertenze sui rischi - Prima dell’investimento, i sottoscrittori devono considerare attentamente l'obiettivo di investimento, i rischi, gli oneri e i costi del Fondo.
Le informazioni importanti relative al Fondo sono contenute nel Prospetto informativo e nel documento KIID. Le informazioni di carattere informativo, non sono da considerarsi un’offerta commerciale, sollecitazione all’acquisto o sottoscrizione all’acquisto delle azioni del Fondo o qualsivoglia titolo o strumento finanziario.
Prima dell’investimento, i sottoscrittori devono consultare il relativo Prospetto informativo, il “KIID” (Key Investor Information Document) e l’ultimo rendiconto annuale o relazione semestrale, se pubblicata successivamente, disponibili sul sito www.aberdeenstandard.it